PNI 2018 Verona

Il progetto “ArgiNaRe” si è classificato tra i primi quattro finalisti per la categoria “CleanTech&Energy” al Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI2018), svoltosi a Verona,

con l’obiettivo di sostenere la ricerca applicata e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e alla diffusione della cultura d’impresa.
Questo risultato di assoluto rilievo conferma la competitività di un progetto frutto di una pregressa collaborazione scientifica tra enti di ricerca, il CNR- Istituto per lo Studio di Materiali Nanostrutturali (ISMN) di Palermo, il CNR-Istituto per le Risorse Biologiche e le Biotecnologie Marine (IRBIM) di Messina e l’Università degli Studi di Messina. L’idea progettuale è basata su uno sviluppo sinergico dell’attività di ricerca degli Istituti del CNR coinvolti e di UniMe, grazie al team multidisciplinare con competenze specifiche di geochimica e mineralogia (Dr. Sabatino, UniMe), di microbiologia avanzata e bioteconologia (Dr. Cappello, IRBIM) e di progettazione, sintesi e studio strutturale di nanomateriali e nanocompositi funzionali ibridi innovativi ( Dr. Plutino, ISMN, team leader del progetto ARGINARE); quest’ultima attività in accordo con “Nanomateriali e processi abilitanti per il manifatturiero sostenibile”, una delle linee strategiche perseguite da ISMN, Istituto che da tempo vuole affrontare in modo efficace temi di ricerca con significativi risvolti socio-economici.

Per saperne di più:

http://www.ismn.cnr.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=1009:arginare-tra-i-primi-quattro-al-premio-nazionale-innovazione&Itemid=490&lang=it

http://www.ismn.cnr.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=999:arginare-tra-i-primi-quattro-al-premio-nazionale-innovazione&Itemid=490&lang=it

  • Grazzetta del Sud MESSINA, 1 Dicembre 2018, pag.26.

52 Visite totali, 1 visite odierne

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *