Il progetto ArgiNaRe ha l’obiettivo di sviluppare materiali ibridi innovativi, basati su materiali di scarto e non (es. argille), a seguito di modificazioni sintetiche (degli stessi) environmental friendly (ovvero senza alcuno impatto ambientale) ed eco-sostenibili (ovvero con basso dispendio energetico e dispersione di calore nell’ambiente).

Tali sistemi ibridi, grazie alla natura intrinseca della matrice organica-inorganica polimerica, basata su cross-linker funzionali e su argille, risultano dei materiali innovativi per l’assorbimento e l’induzione della biodegradazione di inquinanti idrocarburi versati in mare; inoltre tali materiali possono trovare applicazione anche per altri inquinanti ambientali (ad es. metalli pesanti, olii di scarto, composti organici).

In particolare, i materiali proposti presentano in termini assoluti (quantità di contaminante assorbito per quantità di sostanza per unità di tempo) un’elevata capacità oleo-assorbente.

Qui un video esplicativo a cura di Angelo Pepe (UniMe): https://youtu.be/sVXYDAOaFgE

558 Visite totali, 6 visite odierne

Versatilità

I materiali ibridi sviluppati grazie al progetto ArgiNaRe possono essere geopolimerizzati sotto forma di monoliti o mattonelle, applicati come rivestimenti o impregnanti di varie superfici tramite processi di grafting, per l’ottenimento di nuovi materiali funzionali (es. carta, tessuti, polveri).

Innovazione

I prodotti di sintesi grazie alla natura intrinseca della matrice organica polimerica, basata su cross-linker funzionali e su argille naturali, risultano dei materiali innovativi avanzati (KET secondo l’UE) per l’assorbimento e l’induzione della biodegradazione di inquinanti idrocarburi versati in mare.

Ecosostenibilità

In linea con gli obiettivi dell’economia circolare, adottati dall’ Unione Europea, i materiali innovativi dopo l’uso possono essere recuperati e rigenerati (o chimicamente e/o biologicamente) e pertanto riutilizzati per altri cicli di assorbimento/ degradazione dei contaminati organici.

Traguardi

Il nostro progetto frutto di un lavoro multidisciplinare dei membri del Team, si è classificato primo alla Start Cup UniMe 2018, ha superato la fase regionale della Start Cup Sicilia 2018 di Palermo, e si è posizionato tra i primi 4 progetti nella categoria Cleantech & Energy del PNI 2018 tenutosi a Verona.